"Tu e noi": la vita è un dialogo appassionato tra Lui e noi

Non c'è nulla di più grande per noi
del suo rivolgersi a noi,
del suo offrirsi a noi,
del suo invitarci a stare con Lui.

E Lui ci chiede di elevare a Lui
la voce del nostro cuore
e di radunarci attorno a Lui e in Lui.

GLI APPELLI DI MARIA VERGINE

Fatima, Portogallo, 1917

Le apparizioni della Madonna hanno avuto luogo dal 13 maggio al 13 ottobre del 1917 a tre pastorelli di nome Francisco e Giacinta Marto (9 e 7 anni) e Lucia dos Santos (10 anni). Sono state precedute nel 1915 e 1916 da alcune apparizioni dell'Angelo Custode del Portogallo. Sono state riconosciute ufficialmente dalla Chiesa nell'ottobre del 1930.(1)

Apparizioni di Fatima (1)
Primo intervento dell'Angelo: “Non temete. Io sono l’Angelo della pace. Pregate con me. Mio Dio, io credo, adoro, spero in Voi e Vi amo. Chiedo perdono per quelli che non credono, non sperano, non Vi amano.  Pregate così. I Cuori di Gesù e di Maria sono attenti alla voce delle vostre suppliche".

Apparizioni di Fatima (2)
Secondo intervento dell'Angelo: “Che cosa state facendo? Pregate! Pregate tanto! I Cuori di Gesù e di Maria hanno progetti di grazia per voi. Offrite preghiere e sacrifici all’Altissimo". - “In che modo possiamo fare sacrifici?" - “Fate sacrificio di ogni cosa che fate e offritelo come un atto di riparazione per i peccati dai quali Egli è offeso e per ottenere la conversione dei peccatori. In questo modo attirerete la pace sul vostro Paese. Io sono l’Angelo Custode, l’Angelo del Portogallo. Soprattutto accettate e sopportate con sottomissione tutte le sofferenze che nostro Signore vi manderà".

Apparizioni di Fatima (3)
Terzo intervento dell'Angelo. Mentre eravamo là, Egli apparve la terza volta, portando tra le mani un calice sormontato da un’Ostia da cui cadevano nel calice gocce di sangue. Lasciando il calice e l’Ostia sospesi nell’aria Egli si prostrò a terra e ripetè questa preghiera tre volte: “SS. Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, vi adoro profondamente, Vi offro il preziosissimo Corpo, Sangue, Anima e Divinità di Gesù Cristo, presente in tutti i Tabernacoli del mondo, in riparazione degli oltraggi, sacrilegi e indifferenze da cui Egli è offeso. E per gli infiniti meriti del Suo Sacratissimo Cuore e del Cuore Immacolato di Maria, Vi chiedo la conversione dei poveri peccatori". Quindi, alzatosi, l’Angelo prese il calice e l’Ostia. Diede l’Ostia a me e il contenuto del calice a Giacinta e a Francesco, dicendo nello stesso tempo: "Prendete e bevete il Corpo di Gesù Cristo, orribilmente oltraggiato dagli uomini ingrati. Riparate i delitti e consolate il vostro Dio". Ancora una volta si prostrò a terra, ripeté tre volte la preghiera della SS. Trinità e scomparve.

Apparizioni di Fatima - 13 maggio 1917 (4)
“Non abbiate paura, non vi farò del male… Vengo dal Cielo... Vengo per chiedervi di venire qui per sei mesi consecutivi, il giorno 13 alla stessa ora. In seguito vi dirò cosa io voglio. E ritornerò qui ancora una settima volta". Lucia: “E io andrò in Cielo?" “Sì ci andrai”. “E Giacinta?" “Anch’ella ci andrà “. “E Francesco?" “Vi andrà pure lui, ma prima dovrà recitare il suo Rosario"… Lucia: “Maria Das Neves è in Paradiso?" “Sì“. “E Amelia?" “Ella rimarrà in Purgatorio fino alla fine del mondo. Volete offrire a Dio tutte le sofferenze che Egli desidera mandarvi in riparazione dei peccati dai quali Egli è offeso, e per domandare la conversione dei peccatori? " “Sì lo vogliamo". “Andate dunque, perché avrete molto da soffrire, ma la Grazia di Dio vi conforterà".

Apparizioni di Fatima - 13 maggio 1917 (5)
Mentre pronunciava le parole "la Grazia di Dio...", Nostra Signora aprì per la prima volta le sue mani e riversò sopra di noi una luce così intensa che penetrò nei più reconditi recessi del nostro cuore facendoci rispecchiare in Dio molto più chiaramente che se ci fossimo rispecchiati in uno specchio. Poi, spinti da un interiore impulso cademmo in ginocchio, ripetendo nei nostri cuori: “SS. Trinità, io Vi adoro! mio Dio, mio Dio, Vi amo nel SS. Sacramento!". Dopo alcuni momenti, Nostra Signora parlò ancora: “Dite il Rosario ogni giorno per ottenere la pace nel mondo e la fine della guerra".

Apparizioni di Fatima - 13 giugno 1917 (alla presenza di circa 50 persone) (6)
 “Voglio che veniate qui il 13 del prossimo mese. Voglio che recitiate ogni giorno il Santo Rosario e impariate a leggere. In seguito vi dirò che cosa altro voglio". Io poi chiesi alla Signora di guarire una ammalata: “Se ella si emenderà sarà guarita quest‘anno". Appena pronunciò queste ultime parole la Signora aprì le mani e ci comunicò, per la seconda volta, l’immensa luce che l’avvolgeva. In questa luce ci potemmo vedere immersi in Dio. Giacinta e Francesco sembravano essere nella luce che saliva verso il Cielo, mentre io ero in quella che scendeva verso la terra. Davanti al palmo della mano destra della Signora c’era un cuore circondato da spine che lo trafiggevano. Noi capimmo che si trattava del Cuore Immacolato di Maria oltraggiato dai peccati dell'umanità, e quindi Ella chiedeva riparazione. "Porterò presto in cielo Giacinta e Francesco, ma tu devi rimanere".

Apparizioni di Fatima - 13 luglio 1917 (alla presenza di 4 mila persone) (7)
La Madonna disse: “Voglio che voi veniate qui il 13 del prossimo mese. Continuate a recitare il Rosario tutti i giorni, in onore di Nostra Signora, per ottenere la pace nel mondo e la fine della guerra, perché solo Ella la può ottenere. Continuate a venire qui ogni mese. In ottobre vi dirò chi sono e che cosa voglio e compirò un miracolo affinché tutti possano credere". Io, Lucia, qui ho fatto alcune domande in favore di alcune persone che non posso ricordare. Ciò che ricordo è che la Signora disse che era necessario per quelle persone dire il Rosario per ottenere le grazie durante l’anno. E continuò: “Sacrificatevi per i peccatori, e dite spesso, specialmente quando compite qualche sacrificio: ‘Gesù, questo è per Vostro amore, per la conversione dei peccatori e in riparazione dei peccati commessi contro il Cuore Immacolato di Maria'".

Apparizioni di Fatima - 13 luglio 1917 (prima parte del segreto) (7)
La Signora aprì le mani, come aveva fatto durante i due mesi precedenti. La luce proveniente da esse sembrava penetrare la terra e vedemmo un mare di fuoco. Bene. Il segreto consta di tre cose distinte, due delle quali sto per rivelare. La prima dunque, fu la visione dell'inferno. La Madonna ci mostrò un grande mare di fuoco, che sembrava stare sotto terra. Immersi in quel fuoco, i demoni e le anime, come se fossero braci trasparenti e nere o bronzee, con forma umana che fluttuavano nell'incendio, portate dalle fiamme che uscivano da loro stesse insieme a nuvole di fumo, cadendo da tutte le parti simili al cadere delle scintille nei grandi incendi, senza peso né equilibrio, tra grida e gemiti di dolore e disperazione che mettevano orrore e facevano tremare dalla paura. I demoni si riconoscevano dalle forme orribili e ributtanti di animali spaventosi e sconosciuti, ma trasparenti e neri. Questa visione durò un momento. E grazie alla nostra buona Madre del Cielo, che prima ci aveva prevenuti con la promessa di portarci in Cielo (nella prima apparizione), altrimenti credo che saremmo morti di spavento e di terrore.

Apparizioni di Fatima - 13 luglio 1917 (Seconda parte del segreto) (8)
Alzammo gli occhi alla Madonna che ci disse con bontà e tristezza: "Avete visto l'inferno dove cadono le anime dei poveri peccatori. Per salvarle, Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al Mio Cuore Immacolato. Se faranno quel che vi dirò, molte anime si salveranno e avranno pace. La guerra sta per finire; ma se non smetteranno di offendere Dio, durante il Pontificato di Pio XI ne comincerà un'altra ancora peggiore. Quando vedrete una notte illuminata da una luce sconosciuta, sappiate che è il grande segno che Dio vi dà che sta per castigare il mondo per i suoi crimini, per mezzo della guerra, della fame e delle persecuzioni alla Chiesa e al Santo Padre. Per impedirla, verrò a chiedere la consacrazione della Russia al Mio Cuore Immacolato e la Comunione riparatrice nei primi sabati. Se accetteranno le Mie richieste, la Russia si convertirà e avranno pace; se no, spargerà i suoi errori per il mondo, promovendo guerre e persecuzioni alla Chiesa. I buoni saranno martirizzati, il Santo Padre avrà molto da soffrire, varie nazioni saranno distrutte. Finalmente, il Mio Cuore Immacolato trionferà. Il Santo Padre Mi consacrerà la Russia, che si convertirà, e sarà concesso al mondo un periodo di pace".

Apparizioni di Fatima - 13 luglio 1917 (Terza parte del segreto) (9)
Dopo le due parti che già ho esposto, abbiamo visto al lato sinistro di Nostra Signora un poco più in alto un Angelo con una spada di fuoco nella mano sinistra; scintillando emetteva fiamme che sembrava dovessero incendiare il mondo; ma si spegnevano al contatto dello splendore che Nostra Signora emanava dalla sua mano destra verso di lui: l'Angelo indicando la terra con la mano destra, con voce forte disse: Penitenza, Penitenza, Penitenza! E vedemmo in una luce immensa che è Dio: “qualcosa di simile a come si vedono le persone in uno specchio quando vi passano davanti” - un Vescovo vestito di Bianco - “abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre”. Vari altri Vescovi, Sacerdoti, religiosi e religiose, salire una montagna ripida, in cima alla quale c'era una grande Croce di tronchi grezzi come se fosse di sughero con la corteccia; il Santo Padre, prima di arrivarvi, attraversò una grande città mezza in rovina e mezzo tremulo con passo vacillante, afflitto di dolore e di pena, pregava per le anime dei cadaveri che incontrava nel suo cammino; giunto alla cima del monte, prostrato in ginocchio ai piedi della grande Croce venne ucciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi di arma da fuoco e frecce, e allo stesso modo morirono gli uni dopo gli altri i Vescovi, Sacerdoti, religiosi e religiose e varie persone secolari, uomini e donne di varie classi e posizioni. Sotto i due bracci della Croce c'erano due Angeli ognuno con un innaffiatoio di cristallo nella mano, nei quali raccoglievano il sangue dei Martiri e con esso irrigavano le anime che si avvicinavano a Dio. La Madonna alla fine disse a Lucia: "Non dire questo a nessuno. Puoi dirlo a Francesco".

Apparizioni di Fatima - 13 luglio 1917 (10)
La Madonna: "Quando recitate il Rosario, dopo ogni mistero dite: 'Gesù mio, perdonateci, preservateci dal fuoco dell’Inferno, portate in Cielo tutte le anime, specialmente quelle più bisognose'". Lucia: “C’è ancora qualche cosa che volete da me?" “No, per oggi non voglio più nulla da te". Il 13 agosto 1917, alla presenza di 20 mila persone, i bambini vengono portati via dalle autorità prima dell'apparizione.

Apparizioni di Fatima – 15 agosto 1917 (11)
L'apparizione avviene a sorpresa, senza folla, per evitare l'imprigionamento dei bambini da parte della polizia. La Madonna: “Voglio che continuiate ad andare alla Cova da Iria il 13 e che continuiate a recitare il Rosario ogni giorno. In Ottobre compirò un grande miracolo, così che tutti crederanno". Lucia: "Cosa volete che si faccia dei soldi che la gente lascia alla Cova da Iria?". La Madonna: “Procurate con essi due portantine una per te e per Giacinta da portare con due altre ragazze vestite in bianco, l’altra per Francesco da trasportare con altri tre ragazzi. I soldi posti sopra la portantina saranno per la festa di Nostra Signora del Rosario, e ciò che avanzerà sarà un fondo per la costruzione di una cappella". Lucia: “Vorrei chiedervi la guarigione di alcune persone malate". La Madonna: “Sì, ne guarirò alcune durante l’anno". Quindi con espressione rattristata disse: “Pregate, pregate molto e fate sacrifici per i peccatori, perché molte anime vanno all’Inferno perché non hanno nessuno che preghi e faccia sacrifici per esse".

Apparizioni di Fatima - 13 settembre 1917 (alla presenza di circa 30 mila persone) (12)
La Madonna: "Continuate a dire il Rosario per la fine della guerra. In ottobre S. Giuseppe apparirà con il Bambino Gesù a benedire il mondo. Il Signore si compiace dei vostri sacrifici, ma Egli non vuole che voi dormiate con la corda: cingetela solo durante il giorno". Lucia: “Mi hanno detto di chiedervi molte cose: la guarigione di alcune persone malate, di un sordomuto...”. La Madonna: “Sì guarirò alcuni, ma non altri. In ottobre compirò un miracolo, così che tutti crederanno".

Apparizione di Fatima - 13 ottobre 1917 (alla presenza di circa 70 mila persone) (13)
La Madonna: “Voglio dirti che desidero che si eriga qui una Cappella in mio onore, perché io sono Nostra Signora del Rosario. Continuate a recitare il Rosario ogni giorno. La guerra finirà presto e i soldati ritorneranno alle loro case". Lucia: “Ho molte cose da chiedervi: la guarigione di alcune persone ammalate, la conversione dei peccatori e altre cose...". La Madonna: “Alcune le esaudirò, altre no. E' necessario che si emendino, che chiedano perdono dei loro peccati “. Quindi con espressione triste disse: “Non offendete più Dio, Nostro Signore, perché Egli è già troppo offeso!"

Apparizione di Fatima - 13 ottobre 1917 (alla presenza di circa 70 mila persone) (13)
Il miracolo del sole. Nostra Signora, aprendo le mani, le fece riflettere sul sole e, mentre saliva, il riflesso della Sua persona era proiettato sul sole stesso. Questa è la ragione per cui io gridai forte: “Guardate il sole". Quando Nostra Signora scomparve nelle immense distanze del firmamento, oltre al sole vedemmo S. Giuseppe con il Bambino Gesù e Nostra Signora vestita di bianco con un manto blu. S. Giuseppe con il Bambino Gesù sembravano benedire il mondo: fecero infatti il Segno di Croce con le loro mani. Poco dopo, questa visione scomparve e vidi Nostro Signore e la Vergine sotto le apparenze di Addolorata. Nostro Signore fece l’atto di benedire il mondo, come aveva fatto S. Giuseppe. Questa apparizione scomparve e vidi ancora Nostra Signora, questa volta sotto le apparenze di Nostra Signora del Carmelo.


Cfr R. Laurentin – P. Sbalchiero, Dizionario delle "apparizioni" della Vergine Maria, trad. it., Edizioni Art, Roma 2010, voce "FATIMA", pp. 268-291. La traduzione dei messaggi dell'Angelo e della Vergine Maria è tratta da: